Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Lida Olbia sotto tiro: secondo attentato incendiario in due mesi

Lida Olbia sotto tiro: secondo attentato incendiario in due mesi

C’è qualcuno che ha preso di mira Lida Olbia, e gli animali che porta in salvo sul territorio sardo. Qualcuno ha Lida Olbia nel mirino, e lo sta dimostrando non a parole, ma con i fatti: il rifugio I Fratelli Minori è stato infatti colpito dal secondo attentato incendiario in soli due mesi.

Lo scorso settembre, un incendio alla struttura aveva causato oltre ventimila euro di danni, mettendo in ginocchio l’Associazione – l’unica grande fortuna era stata che nessuno dei cani presenti all’interno del rifugio era rimasto ucciso. 

Due giorni fa, qualcuno ha cosparso di liquido infiammabile la parete della casetta in legno in cui i volontari immagazzinano i mangimi per i cani affetti da patologie particolari: cibo prezioso, e infatti la struttura viene affettuosamente chiamata “la casetta dei gioielli”. 

Anche in questo caso, un rovescio di fortuna improvviso: ha iniziato a piovere, e la pioggia ha spento le fiamme, impedendo che facessero danni o arrivassero lì dove il primo incendio non era riuscito ad arrivare. Agli animali ricoverati.

Dice Cosetta Prontu, responsabile della LIDA di Olbia, a Geapress: “Non so cosa pensare, non ne ho avuto il tempo. Già stamani, nonostante tutto, ci siamo precipitati per un cane da soccorrere: gli avevano sparato. Noi abbiamo sempre aiutato tutti, abbiamo cercato di venire incontro alle mille emergenze. Due attentati incendiari in meno di due mesi”.

Chi vuole la morte dei cani di Olbia? Chi sono i vigliacchi che aspettano che faccia buio per tentare di ridurre tutto – animali e struttura – in cenere?

Già dopo il primo incendio, era stata ventilata l’ipotesi che non si trattasse di un incidente, anche perché l’impianto elettrico del canile era stato appena revisionato. Quello che è accaduto l’altro giorno scioglie ogni dubbio: ci sono dei piromani che vogliono uccidere i cani del rifugio. 

Le forze dell’ordine staranno a guardare?

Nella foto: uno dei tanti cani su cui Lida Olbia è intervenuta.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Anna Maria Alonzo

    mio Dio ma possibile che tanta gente pensi solo a far del male agli animali

  2. chi compie questi atti ,sono degli eseri spregevoli vigliacchi x giunta ,ma quello che dispiace ,e che alla fine se ne fregano tutti ,povere le creature indifese ,e tutta la mia solidarietà a chi ,si prodiga x essi

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com