Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Reese Witherspoon e la borsa di pitone da 4000 dollari

Reese Witherspoon e la borsa di pitone da 4000 dollari

Il recente acquisto di Reese Witherspoon ha fatto storcere il naso a molti, soprattutto dopo la recente approvazione, in California, del bando ai capi di vestiario e agli accessori derivati dagli animali.

L’attrice ha infatti mostrato in pubblico una borsa fatta con pelle di pitone del valore di 4000 dollari. Niente di illegale, ovviamente, ma di sicuro qualcosa di poco eticamente condivisibile. 

PETA ha immediatamente dichiarato che “non importa quanto Reese abbia pagato per quella borsa, gli animali hanno pagato molto di più. Ogni anno milioni di serpenti vengono impalati per la testa su uncini appesi agli alberi e scuoiati vivi. Si inserisce un tubo nella bocca dei serpenti più grandi, come i pitoni, dopo di che si procede a pompare l’acqua in modo che la loro pelle si lasci andare e venga tolta più facilmente. I corpi di questi animali, ancora agonizzanti, vengono scartati. Ci vogliono giorni di shock e disidratazione perché muoiano”.

PETA sostiene anche di sperare che quello della Witherspoon sia un caso di ignoranza piuttosto che di intenzionalità.

“Non possiamo immaginare che voglia contribuire a questa sofferenza nascosta, specialmente per qualcosa di così frivolo come un accessorio che può essere rimpiazzato da qualcosa che non gronda sangue. Oggi è facile avere uno splendido look senza uccidere nessuno, e ci sono stilisti che pagano un tributo a questi splendidi animali senza massacrarli”.

Ironicamente, qualche anno fa Reese Witherspoon era stata votata la vegetariana più sexy del mondo proprio da PETA. L’organizzazione ha promesso ora di farle recapitare un video girato sotto copertura che mostra le atrocità commesse sui serpenti e che, tra l’altro, è narrato proprio da un amico della star, Joaquin Phoenix (vegan e notissimo sostenitore dei diritti animali).

Non è la prima volta che la Witherspoon rimane invischiata in una diatriba simile: pochi mesi fa il suo film Come l’Acqua per gli Elefanti era stato infatti criticato per il violento trattamento riservato agli elefanti che compaiono nella pellicola.

Qui sotto, un video che mostra come vengono realizzati gli accessori in pelle di serpente.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com