Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Gli animali di Gheddafi, uccisi dalla fame e dalla guerra

Gli animali di Gheddafi, uccisi dalla fame e dalla guerra

Muammar Gheddafi, come leader libico, possedeva una fattoria privata di centinai di chilometri quadrati e abitata da oltre un migliaio di animali.

Animali di cui nessuno si è più occupato dopo l’inizio del conflitto in Libia: dagli struzzi ai cammelli, dalle pecore alle capre, fino ai bovini, tutte queste creature sono state letteralmente abbandonate a morire di fame.

Sono almeno cento i soli struzzi ritrovati uccisi dalla mancanza di cibo e acqua, mentre è incalcolabile il numero di animali uccisi e presi di mira da civili e combattenti che si sono serviti del parco come di un supermercato a cielo aperto.

Ora, finalmente, si interviene per i pochi superstiti rimasti: balle di fieno e sacchi di grano sono stati consegnati per sfamare i disperati sopravvissuti. Gli animali sono anche stati visitati e curati, soprattutto con antibiotici e vitamine, mentre i pastori libici si sono offerti volontari per “prendersi cura” di bovini e cammelli… in realtà, non si sa bene con quale obiettivo finale.

Qui la fonte della news: http://www.reuters.com/article/2011/10/05/us-libya-gaddafi-farm-idUSTRE7942W620111005

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Intanto il TIRANNO Gheddafi ha fatto “la fine del topo”, e, già questo mi consola…. spero che i volontari che stanno sfamando quei poveri animali non li facciano ingrassare per poi mangiarseli….!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com